Gennaio 30, 2024 - Tullio Scrimali, Polo Clinico ed Universitario degli Erei

Sospeso, dal TAR Lazio, il decreto del Ministro della Salute Schillaci fino al 16 Settembre 2024

Il TAR Lazio ha rinviato la decisione, nel merito, sul Decreto Schillaci, al 16 Settembre 2024.


Tale decreto, pubblicato con un blitz del 05 Agosto 2023 dichiarava il cannabidiolo un farmaco stupefacente. Nella udienza del 16 Gennaio 2024, il Ministero della Salute non ha portato alcun dato scientifico in grado di dimostrare che il cannabidiolo sia uno stupefacente. Infatti, tale dato non esiste e tutta la letteratura scientifica a riguardo dimostra il contrario. Pateticamente il Ministero ha chiesto e ottenuto un ulteriore rinvio della decisione nel merito, al fine di chiedere il parere al Consiglio Superiore di Sanità. Trattasi chiaramente di una tattica meramente dilatoria, dettata dalla assoluta mancanza di argomentazioni valide.


Come può il Consiglio Superiore di Sanità portare elementi a favore dell’assurda e non scientifica tesi che il CBD sia una sostanza stupefacente! Il TAR Lazio, si capisce, ha concesso altro tempo al Ministero e questo significa comunque, che lo scellerato decreto Schillaci, che dichiara stupefacente il cannabidiolo, è sospeso, fino alla fine della prossima Estate!


Noi, Imprenditori ed Operatori scientifici della Cannabis Sativa Industriale, come Herbal Neurocare, cercheremo di approfittare di questo lasso di tempo, disponibile fino al prossimo Settembre, per convincere il Ministro Schillaci del fatto che occorra attivare subito una fase di negoziazione e lavoro congiunto con tutti gli attori del settore della Cannabis Terapeutica.


Questa delicata questione, che riguarda il benessere di milioni di pazienti e di migliaia di lavoratori, non può essere risolta a colpi di decreti, senza alcuna base scientifica e basati sull’ignoranza e su un pregiudizio politico!


Serve poco un atteggiamento ideologico, non corroborato da alcun dato di letteratura, che isolerebbe l’Italia nel contesto europeo e favorirebbe, ingiustamente gli altri stati produttori di Cannabis Sativa Industriale, penalizzando un comparto italiano di eccellenza con 10.000 lavoratori, quasi tutti giovani.


Noi, di Herbal Neurocare, se si dovesse istituire, presso il Ministero della Salute, un tavolo tecnico, siamo disponibili a fornire il nostro apporto come sviluppatori e produttori di prodotti cosmeceutici, nutraceutici e dispositivi medici, basati sul cannabidiolo, che non è affatto una sostanza stupefacente ma un efficace presidio per la salute umana e dei pet.


Intanto, oltre a confermare la nostra ormai consolidata proposta di NegEnt Gocce, rendiamo disponibile un nuovo prodotto, registrato, come cosmoceutico, presso l’Unione Europea, e denominato NegEnt Spray, efficace per le lesioni cutanee ed i dolori osteoarticolari.

Enna, 30-01-2024
Tullio Scrimali